Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

YOUTH

Immagine
Punta in alto, stavolta, Paolo Sorrentino con questo suo Youth (la giovinezza), ambientato quasi del tutto in un Hotel de Charme Relaisjugendstil incastonato nelle Alpi svizzere, ai confini del cielo, quasi allo stesso livello delle nuvole; uno di quei posti dove si inseguono bellezza, salute e la perduta giovinezza, le funzioni di quel corpo che con l’età sembrano rallentate o le modifiche ad un corpo che si vuole far rientrare più possibile in canoni di bellezza quanto mai standardizzati, imperanti fino alla ferocia, rigidi fino alla follia. Non si tratta più qui, come ne La grande bellezza, di inseguire le vicende di un oscuro (per il resto del mondo) arbiter elegantiarum in un mondo senza eleganza, maître à penser  in un mondo sans pensée, vestito pacchianamente con banali colori pastello e corredato persino di un’orrenda panciera che da quel tocco di mondana vanità che condisce il personaggio come un pinzimonio, con i capelli tinti e l’espressione perenne sul viso da magnaccione r…

FALSI INVALSI

Immagine
Non so bene dove l’ho letto (i primi segni dell’avanzare dell’età e del marasma cronico della demenza senile sono le dimenticanze e i vuoti di memoria), se in Diogene Laerzio, in Luciano de Crescenzo o altrove, mi pare comunque che si trattasse di Parmenide che incontrò per i campi di Elea il piccolo Zenone, di famiglia poverissima, che  stava raccogliendo la legna, e fu colpito dal modo sistematico, ordinato e intelligente con cui il bambino costituiva le fascine per poterle trasportare meglio e con meno fatica (Platone, il solito pettegolo, riporta invece nel suo dialogo, il Parmenide, che fu attratto invece dall’avvenenza del fanciullo, tanto che lo adottò e ne fece il suo amasio). Vi racconto questa vicenda solo per dirvi che nell’età d’oro della nostra cultura, quando il mondo era calpestato dai sandali di Parmenide, di Empedocle, di Eraclito, di Socrate, di Eschilo, di Fidia, di Apelle, di Prassitele e di Lisippo, quando un uomo era noto per le sue opere e per le sue azioni e non…