Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2012

CADUCITÀ (VERGÄNGLICHKEIT) 2

Immagine
Joaquín Sorolla Bastida (Valencia 1863 – Cercedilla 1923) non fu un artista “maledetto”, come siamo ormai abituati a pensare leggendo le biografie dei più grandi artisti degli ultimi secoli (ci sono stati girovaghi alla perenne ricerca di qualcosa, i tormentati, gli estatici, i delinquenti, gli assassini, i folli, gli autolesionisti, i visionari, i deliranti, gli estetizzanti, chi ricercava l’essenza, chi negava ogni essenza e mostrava i molteplici volti del reale). Sposò la donna che amava e la amò riamato per tutta la vita, ebbe degli splendidi figli, fu circondato e stimato da molti amici e colleghi che arricchirono i suoi giorni, conobbe il successo molto precocemente e da allora fu un crescendo di riconoscimenti nazionali e internazionali, ne ricavò un certo benessere economico e una certa agiatezza di vita, ebbe incarichi di prestigio, girò in Inghilterra, in Francia, in Italia e in Portogallo, ma amò profondamente la sua Spagna e in particolare l’Andalusia. Si può dire che ebbe…